Seguici su

Il ciclo produttivo:

(clicca per ingrandire)







Gli oggetti, precedentemente realizzati al tornio o con le presse, vengono tenuti in un ambiente fresco e ben arieggiato per consentire loro di essiccare. E' una fase molto delicata e che dura diversi giorni, fortemente legata alle condizioni climatiche. 






La prima cottura consente il passaggio dall'argilla essiccata
(che ha dunque perso la percentuale di acqua, diventando rigida
ma comunque fragile) al prodotto semilavorato, comunemente chiamato biscotto. Il forno raggiunge una temperatura che oscilla
tra i 950 °C e i 970 °C e al suo interno è rivestito con lana vetro
e materiale refrattario. 








Il passaggio da argilla a biscotto...



La smaltatura avviene con smalti ceramici, ad ingobbio o cristallina. Lo smalto è sicuramente il colorante più utilizzato, che può essere piombico o apiombico, e questo consente agli oggetti di essere adoperati per uso alimentare. Dopo la smaltatura, che quindi dona all'oggetto il colore di base, si passa alla decorazione dello stesso; anche in questo caso, con colori ceramici da utilizzare con pennelli e/o spugne. 

Ed eccoci giunti alla fine di questo laborioso e delicato processo produttivo.
Dopo la smaltatura e la decorazione gli oggetti vengono cotti per la seconda volta e, finalmente, saranno pronti all'uso...